TARANTO

La cronologia tradizionale, assegna la data della fondazione di Taranto al 706 a.C.

Le fonti tramandate dallo storico Eusebio di Cesarea, parlano del trasferimento di alcuni coloni spartani in questa zona per necessità di espansione o per questioni commerciali. Questi, distruggendo l'abitato indigeno, portarono una nuova linfa di civiltà e di tradizioni.
Taranto ha quindi origini antichissime. Durante il periodo ellenistico della colonizzazione greca nel Mezzogiorno d'Italia, la città fu tra le più importanti della Magna Grecia. In quel periodo, infatti, divenne una potenza economica militare e culturale di circa trecentomila abitanti, che diede i natali a filosofi, strateghi, scrittori e atleti, diventando anche sede della scuola pitagorica tarantina, la seconda più importante dopo quella di Metaponto.

A partire dal 367 a.C. fu la città più potente tra quelle che costituirono la lega italiota. Nel 281 a.C. entrò in conflitto con Roma (guerra tarentina) insieme al suo alleato Pirro, Re dell'Epiro, ma capitolò definitivamente nel 272 a.C.. Durante la seconda guerra punica, Taranto aprì le porte ad Annibale nel 212 a.C., ma fu punita tre anni dopo con la strage dei suoi cittadini e col saccheggio quando Fabio Massimo la riconquistò. Nel 125 a.C. vi fu dedotta una colonia romana (colonia neptunia), mentre nel 90 a.C. fu eretta a Municipium.

Luoghi di interesse :

Necropoli greco-romane

Nelle necropoli greco-romane di Taranto si possono riscontrare differenti tipi di tombe:

  •   Le "tombe a camera" e le "tombe a semicamera", adottate dalle famiglie aristocratiche, collocate all'incrocio di due vie per essere facilmente individuabili;
  •   Le "tombe a fossa", adottate dalle famiglie plebee, scavate nella roccia e chiuse da un masso.

Le 160 sepolture sono dislocate in sette siti archeologici.

Castello Aragonese

Il primo nucleo del castello risale al 916, quando i Bizantini avviarono la costruzione della "Rocca" a protezione dagli attacchi dei Saraceni e della Repubblica di Venezia.

Nel 1486, Ferdinando II d'Aragona incaricò l'Arch. Di Giorgio Martini di ampliare il castello e di conferirgli l'attuale struttura, onde rimpiazzare la tipologia medievale delle torri concepita per la difesa piombante.

La nuova fortificazione doveva comprendere sette torri, di cui quattro unite tra loro a formare un quadrilatero, e le rimanenti tre allineate lungo il fossato fino al Mar Piccolo. Le quattro torri furono intitolate rispettivamente a San Cristofalo, a San Lorenzo, alla Bandiera ed alla Vergine Annunziata.

Fortezza de Laclos

La Fortezza de Laclos è una fortificazione fatta edificare sull'Isola di San Paolo per volontà di Napoleone Bonaparte alla fine del settecento. L'Imperatore la volle per la protezione della città di Taranto, quando decise di farne uno dei suoi avamposti nel Mar Mediterraneo.

Accoglienza in Salento

Il nostro hotel vanta una struttura moderna con tutti i comfort dati dalle più recenti tecnologie, ma il nostro personale rimane fedele al tradizionale calore tipico dell'accoglienza salentina, così come la nostra cucina ricca di piatti locali. La vostra vacanza al Beagle Hotel sarà una scoperta di nuovi servizi e di antiche tradizioni nelle nostre meravigliose terre!

Dove siamo

Il BEAGLE HOTEL è in
VIA PER MARUGGIO, 27
74020 CAMPOMARINO DI MARUGGIO (TA)
Guarda la mappa su Google: Beagle Hotel
Puoi chiamarci al TEL/FAX +39 099 9716147
o scriverci a info@beaglehotel.it

GENERAL C.M. S.R.L. - P.I./reg. Impr. TA 02571080734

©2017 ARvis.it.

Search